partner tecnici

2.2 Quale modello di studio fa al caso vostro?

Ritratto di IFAC

In questa parte del modulo vengono esaminate le diverse tipologie di studio professionale tra le quali potrete scegliere. Una di queste farà sicuramente al caso vostro, sia sotto il profilo giuridico che sotto il profilo gestionale. Per motivi di ordine professionale, etico, normativo e legale, non tutte le forme giuridiche sono utilizzabili in tutti i paesi e le regioni del mondo; di conseguenza, in questo modulo faremo riferimento ad una gamma di opzioni, affidandoci ad esempi concreti per quanto riguarda le condizioni prevalenti in ciascun paese. Ad ogni modo, le considerazioni che seguono si riferiscono, più che agli aspetti di natura legale, alle caratteristiche funzionali di ciascun modello. Il professionista, anche individuale, potrà operare in base a diverse strutture giuridiche, ovvero:

  • senza dotarsi di alcuna distinta struttura giuridica (professionista individuale);
  • studio professionale in forma societaria con un amministratore unico, dotato di personalità giuridica, che consente, entro una certa misura, di tutelare il patrimonio personale (opzione non ammessa in Italia); oppure
  • struttura “di servizi” autonoma, con dipendenti e beni di proprietà utilizzati per l’attività (tali strutture sono ammissibili in Italia solo nella misura in cui ne viene garantita la piena compatibilità con l’ordinamento professionale vigente e con le norme in materia di previdenza obbligatoria): gli utili possono essere distribuiti anche a persone prive del profilo professionale specifico (ad esempio un coniuge);
  • accordo di ripartizione dei costi con altri professionisti; oppure
  • una combinazione delle formule precedenti.

Uno studio professionale di dimensioni medio-grandi potrebbe decidere di costituire diverse entità giuridiche, una per ciascun settore di attività o servizio svolto, quale, ad esempio:

  • servizi informatici;
  • pianificazione finanziaria e gestione patrimoni;
  • revisione legale dei conti e servizi correlati forniti tramite una tradizionale associazione tra singoli professionisti.

Queste strutture possono essere utilizzate per premiare collaboratori con competenze specialistiche, che per vari motivi non è possibile o auspicabile associare, oppure possono rappresentare una scelta obbligata per adeguarsi alle norme etiche emanate dall’ordine professionale. Alla luce delle crescenti implicazioni di natura personale-familiare emerse anche nel nostro settore, le forme giuridiche adottate per la costituzione dei nuovi studi professionali devono spesso tenere conto anche dell’esigenza di facilitare l’ingresso o l’uscita dallo studio e, per tale motivo, si ricorre spesso a strutture che stabiliscono una netta distinzione tra gli associati che partecipano o, viceversa, non partecipano alla costituzione del capitale. Man mano che proseguite nella lettura del modulo, potrebbe esservi utile delineare una tabella comparativa che vi aiuti ad individuare la struttura più adatta alle vostre necessità.

Commenti

Aggiungi un commento