partner tecnici

5.3.6 Palmari, smartphone e BlackBerry

Ritratto di IFAC

Questi dispositivi permettono di accedere all’agenda, ai contatti, ad appunti, appuntamenti e messaggi di posta elettronica quando ci si trova al di fuori dello studio. Benché a volte possano essere “invadenti” e richiedano pertanto un utilizzo disciplinato, questi strumenti possono anche svolgere un ruolo preziosissimo nel caso di volumi eccessivi di e-mail. A qualsiasi professionista capita ogni tanto di avere momenti vuoti nella propria giornata di lavoro (in taxi, in autobus, in attesa del proprio volo in aeroporto). Con il palmare, è possibile leggere e smaltire la posta elettronica, così da ridurre la quantità di e-mail da leggere non appena rientrati in studio. I dispositivi con tastiera generalmente sono più utili di quelli dotati di stilo per la scrittura su schermo. Un fattore determinante è l’affidabilità del dispositivo: l’inoltro e l’invio di messaggi di posta elettronica deve avvenire in maniera sicura ed affidabile, così da evitare inutile stress e non compromettere la produttività. Gli smartphone contengono applicazioni di facile installazione per sfruttare al meglio Internet: molti sviluppatori software sono impegnati a produrre nuove applicazioni per garantire l’accesso a Internet anche dagli smartphone.
Ergonomicità
La produttività può essere migliorata anche modificando le abitudini di lavoro e l’ergonomicità dello studio, ad esempio:

  • effettuando pause regolari nel corso di lavori ripetitivi;
  • distogliendo lo sguardo dallo schermo e modificando la distanza di messa a fuoco ogni sessanta minuti;
  • utilizzando sedie tali che i gomiti si trovino ad un’altezza leggermente superiore rispetto alla tastiera;
  • servendosi di poggiapiedi se il pavimento sotto la sedia non è perfettamente piano;
  • lasciando spazio sufficiente per le gambe sotto la scrivania;
  • posizionando meglio tastiere e schermi;
  • servendosi di leggii;
  • migliorando l’illuminazione della stanza;
  • servendosi di cuffie per parlare al telefono e poter contemporaneamente continuare a lavorare al computer;
  • utilizzando filtri antiriflesso per lavorare in ambienti molto luminosi.

Commenti

Aggiungi un commento

Guida alla Gestione dello Studio