partner tecnici

7.2.3 I rischi di natura etica

Ritratto di IFAC

Con questa espressione si indicano tutte quelle situazioni che potrebbero rappresentare per lo studio un rischio sotto il profilo deontologico. Il Codice IESBA individua cinque diverse tipologie di rischio, ciascuna delle quali sarà illustrata nelle pagine seguenti.
1. Interesse personale
Il rischio consiste nella tentazione di agire in base ad un interesse personale anziché nell’interesse del cliente. La presenza di interessi di natura finanziaria o di altra natura potrebbe incidere in maniera impropria sul giudizio o sul comportamento del professionista.
2. Autoriesame
Il rischio insorge quando il professionista si trova nella circostanza di dover valutare o emettere un giudizio su una prestazione fornita in passato dallo studio o dallo stesso professionista.
3. Attività di rappresentanza
Il rischio si verifica quando il professionista svolge attività di rappresentanza per il cliente. È possibile che tale posizione si spinga fino al punto di comprometterne l’obiettività professionale.
4. Confidenzialità
Il rischio nasce quando il professionista instaura rapporti di eccessiva confidenzialità con il cliente: un rapporto stretto di lunga durata con un cliente o con una parte a lui correlata potrebbe indurlo a essere eccessivamente sensibile verso i suoi interessi.
5. Intimidazione
Questa tipologia di rischio si verifica quando il professionista è indotto ad agire in un determinato modo a causa delle intimidazioni ricevute da parte del cliente, che arrivano al punto di comprometterne l’obiettività professionale. Tali pressioni possono essere reali o anche soltanto percepite come tali.
Ognuna di queste situazioni può verificarsi indipendentemente dalle altre, in una qualsiasi fase della relazione con il cliente. In alcune circostanze il professionista potrebbe trovarsi in presenza di uno solo di questi rischi o, nei casi più estremi, di tutti e cinque contemporaneamente. Evidentemente, in casi del genere, il professionista e lo studio si troverebbero in una situazione di estrema difficoltà, con il rischio di venir meno ai loro principi fondamentali e alla deontologia professionale.
Alcuni esempi di rischi di natura etica
Il Codice IESBA fornisce anche alcuni esempi dei rischi che si potrebbero verificare nella realtà, benché non si tratti di un elenco esaustivo di tutti i possibili rischi. Il principio generale è che il professionista non dovrebbe mai trovarsi coinvolto consapevolmente in operazioni, attività o incarichi professionali che possano limitarne la capacità di tener fede ai principi deontologici fondamentali.
Tabella 7.1 Esempi di possibili rischi per gli studi professionali

 

Commenti

Aggiungi un commento