partner tecnici

8.9.3 Modifiche nello stile di vita

Ritratto di IFAC

Forse l’aspetto più difficile da affrontare è costituito dalla radicale modifica delle abitudini di vita che fa seguito all’uscita dallo studio. Molti professionisti, fino a quel momento, hanno lavorato più di otto ore al giorno per tanti anni, molti hanno rinunciato a ferie e fine settimana per lavorare alle pratiche dei loro clienti. Il lavoro ha dato un senso alla loro vita, garantendogli un posto nella società e la sensazione di essere apprezzati e utili agli altri. Molti professionisti sanno che è soltanto grazie a loro che i clienti hanno evitato di incorrere in problemi legali e amministrativi di ogni genere.
E poi tutto finisce.
Il telefono smette di squillare, i clienti smettono di chiamare a tutte le ore, la casella di posta elettronica non è più sommersa dai messaggi di lavoro. Gli ex clienti non chiamano più per avere consigli perché si rivolgono al sostituto, i problemi vengono risolti e sembra che lo studio se la cavi benissimo anche senza di voi. Si avrebbe ben diritto di essere un po’ risentiti per il fatto che lo studio non sia andato in pezzi una volta privato della vostra guida! Purtroppo, molti professionisti non fanno il passo successivo, che consiste nel trovarsi nuovi interessi, nuovi impegni, ma continuano a vivere nel passato, a rivivere i vecchi giorni gloriosi. Questa non è una strategia salutare. Alla riflessione sulla “vita dopo lo studio” deve essere dedicata la stessa attenzione che si è dedicata alla “vita nello studio”. Questo consentirà di passare alla fase successiva della vita in condizioni di mente e di spirito adatte per apprezzare ogni attimo e ogni nuova esperienza. Prima di lasciare lo studio, occorre prendersi del tempo per pensare ai nuovi interessi, ai nuovi impegni a cui ci si vuole dedicare. Quali sono le cose che avreste sempre voluto fare? Finalmente, questa potrebbe essere l’occasione per farle. Fare queste considerazioni prima di lasciare definitivamente lo studio consente ad ogni professionista di sfruttare al meglio tutte le opportunità che gli si presenteranno.

Commenti

Aggiungi un commento