partner tecnici

La Guida alla Gestione dello Studio professionale

La Guida IFAC alla gestione dello Studio professionale è un manuale nato dalla collaborazione di oltre 200 professionisti di tutto il mondo, coordinati dal Comitato per i Piccoli e Medi Studi professionali. Il referente del progetto è il dottor Giancarlo Attolini, Consigliere nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

ACEF, Associazione Culturale Economia e Finanza, ha stipulato una convenzione con il Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili per realizzare una serie di incontri gratuiti presso gli Ordini territoriali che ne faranno richiesta. Il programma delle date e delle piazze è in corso di definizione, e prenderà il via nell'autunno del 2012.

Il programma standard di ogni incontro prevede una durata di 3 ore, con riconoscimento di 3 crediti formativi di area "deontologia", con l'intervento di relatori che hanno collaborato alla stesura della Guida o che si occupano di organizzazione e innovazione per gli studi professionali. A richiesta dell'Ordine territoriale, ACEF è disponibile a proporre incontri di approfondimento dedicati ad un tema specifico nell'ambito di quelli trattati nella Guida.

La presentazione della versione italiana della Guida alla gestione dei piccoli e medi studi professionali realizzata da IFAC si è tenuta lo scorso 12 dicembre 2011 presso la nuova sede dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna. IFAC è l’istituzione internazionale che riunisce chi esercita la professione di dottore commercialista nel mondo. La guida in inglese ed il successivo adattamento in italiano è stata realizzata con il contributo di un gruppo di lavoro costituito dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. All'incontro hanno presenziato Giancarlo Attolini, consigliere CNDEC e Presidente dell'IFAC Small & Medium Practices Committee, Corrado Baldini, Gianfranco Barbieri, Noemi Di Segni, Lorenzo Magrassi e Franco Marchini, tra i componenti del gruppo di lavoro italiano.

 

Commenti

Aggiungi un commento